I Giardini Di Sanremo

Abbiamo il privilegio e la responsabilità di gestire il prezioso patrimonio botanico di Sanremo, frutto di quel prestigioso “periodo d’oro” conseguente all’espansione turistica della città a partire dal 1870. L’influenza straniera e le particolari condizioni climatiche del territorio hanno permesso l’acclimatazione di moltissime specie esotiche. Molte di queste piante hanno assunto dimensioni ed importanza monumentali e costituiscono un grande valore simbolico, un’immagine fortemente rappresentativa per i nostri giardini. La salvaguardia e la tutela del patrimonio botanico richiedono un grande amore e un’attenzione continua. In questo senso ci si sente eredi dell’opera dei facoltosi proprietari, dei giardinieri e dei botanici del passato. Queste grandi personalità ci hanno lasciato non solo le loro piante, ma ci hanno tramandato una filosofia di concezione e di vita del giardino. Nello spirito della loro eredità dobbiamo continuare il lavoro intrapreso e sviluppare ancora le potenzialità che il clima mite della Riviera ci offre. I nuovi tentativi d’introduzione di piante esotiche e rare devono proseguire ricercando lo spirito proprio di chi, nel passato, si è impegnato per dare vita a veri giardini d’acclimatazione. Le grandi trasformazioni del paesaggio, iniziate a fine 800, fanno ormai parte della nostra cultura e delle tradizioni della Riviera. Il giardino esotico dei parchi e delle ville è ricco d’esuberanti palme, colonnari Araucarie, meravigliose Jacarande, Erytrine dalla fioritura fiammeggiante, Cicadacee e altro.
Non dobbiamo lasciar impoverire questa preziosa nota ambientale che presenta Sanremo come uno stupendo giardino d’acclimatazione ed è motivo d’interesse per turisti e grandi appassionati italiani e stranieri. Non dobbiamo perdere la nostra identità, le nostre radici culturali legate al periodo di massimo splendore per Sanremo rincorrendo, come da più parti si sente richiedere, una falsa integrità botanica che vorrebbe privilegiare la messa a dimora delle piante “del luogo” escludendo le esotiche. La Guida ai Giardini di Sanremo è pertanto uno strumento utile e di facile consultazione per chi vuole conoscere meglio i parchi della città e soddisfare piccole curiosità, scoprire ad esempio quando le palme sono giunte a Sanremo, laddove provengono i maestosi Ficus, quando fiorisce la Sparmannia o note storiche sui giardini, le vecchie ville, i loro proprietari ed i progettisti. Auguriamo a tutti i lettori piacevoli passeggiate nei parchi di Sanremo e confidiamo nella collaborazione di quanti vorranno aiutarci a curare meglio i giardini della città, diffondendo la conoscenza, il rispetto e l’amore per l’ambiente.

Il Funzionario del Servizio Beni Ambientali
Claudio Littardi

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.